ATERnews

 
Un’estate di prossimità
Il 15 giugno, dopo oltre tre mesi di chiusura, è stato possibile riaprire i teatri restituendo alle loro comunità quegli spazi di relazione e di visione collettiva che durante il lockdown noi di ATER Fondazione abbiamo voluto chiamare Teatri di Vicinanza, a sottolineare il legame forte che ci unisce ad essi, oltre la presenza fisica che non ci è stata consentita. Le porte, le finestre, le poltrone, i teli e i sipari dei nostri teatri possono finalmente riprendere vita, possono accogliere attori, organizzatori, maestranze e pubblico.
Un’apertura che si porta dietro un’esperienza profonda, che ha lasciato ferite difficilmente rimarginabili, un’esperienza tuttavia durante la quale si sono sviluppate anche molte riflessioni utili sul piano progettuale, organizzativo, sull’utilizzo delle tecnologie, sul rapporto con i giovani, le famiglie, le scuole, con e tra i territori. Riflessioni preziose che dovremo continuare a sviluppare in autunno.
E’ stato un periodo intenso di azioni e iniziative a livello nazionale e regionale, in particolare a sostegno dei lavoratori e dell’intero sistema dello spettacolo, che abbiamo seguito con grande attenzione, la stessa che abbiamo riservato alle proposte delle associazioni di categoria, a quelle sindacali, ma anche ai progetti messi in atto da Enti locali, teatri, compagnie, associazioni culturali per far fronte ad una situazione che mai avremmo pensato di dover affrontare.
Un periodo che ha avuto evidenti ripercussioni anche all’interno di ATER, mettendo a dura a prova il lavoro delle tante persone impegnate nella Fondazione sul piano organizzativo ed amministrativo, ma anche sul piano progettuale, nel tentativo di capire, insieme ai teatri, come affrontare al meglio la Stagione 2020/2021 e, prima ancora, le parziali riaperture che la fine del lockdown avrebbe consentito.
E’ con questa consapevolezza che, pur a fronte delle difficoltà e delle restrizioni, e in attesa della riapertura dei nostri teatri, quando concretamente al loro interno entreranno le nostre maestranze per la manutenzione e il personale organizzativo e amministrativo per la preparazione della nuova stagione, abbiamo deciso di esserci comunque da subito, pensando alle piazze, ai giardini, agli spazi all’aperto, fino ai borghi dell’Appenino, in cui poter fare teatro, musica, cinema, danza, iniziative per i ragazzi e le loro famiglie.
“ATER c’è”: se questo è il messaggio che abbiamo voluto dare nei mesi di lockdown, questo a maggior ragione è il messaggio che vogliamo dare adesso, con l’obiettivo, oggi e nei mesi a venire, di sostenere gli amministratori locali nel ricostruire comunità, nell’approntare momenti di elaborazione collettiva dell’esperienza vissuta e per offrire alle città uno spazio aperto, in cui ricomporre il proprio senso di appartenenza.
E’ con questo spirito che abbiamo deciso di concentraci sull’estate, per aumentare l’offerta di attività estive sui nostri territori, per riabituare il pubblico ad avere fiducia verso i luoghi della cultura, siano essi cinema o teatri, per ricostruire la socialità negli spazi pubblici, per riabituarci a programmare ed organizzare, per arrivare insieme al pubblico alla riapertura definitiva dei teatri.
Accanto a Festival consolidati come Mundus, Festival Trasparenze e il progetto Macinare cultura, realizzato nei mulini storici regionali, sono stati ideati con i Comuni Soci concerti, percorsi laboratoriali per adolescenti, cinema all’aperto e rassegne per famiglie. Sarà un’estate diversa, con eventi a pubblico distanziato, mascherine e sanificazioni ma stiamo lavorando perché sia un’estate di prossimità, di ricostruzione di momenti di socializzazione tra le persone, di ripresa per i nostri artisti e tecnici rimasti troppo a lungo senza lavoro.
Sarà un’estate di transizione tra le diverse fasi post Covid, ma ci auguriamo che il Teatro, la Musica, il Cinema e la Danza ci accompagnino fino alla riapertura delle stagioni e ci aiutino a ritrovare quella fiducia nello stare vicini che avevamo prima di questa strana stagione.

Orsola Patrizia Ghedini


Nel numero 2:

- Il Comune di Nonantola
- La Meccanica del Circuito
- Intervista a Mauro Felicori - Assessore alla Cultura e Paesaggio della Regione Emilia-Romagna
- Intervista a Mariaelena Mililli - Assessore alla Cultura del Comune di Maranello
- Viralissima
- Estate 2020
- La Toscanini
- Intervista a Stefano Tè - Teatro dei Venti
- Voce agli Spettatori - Lettera di un abbonata
Documenti

aternews-n-2

Tipo : PDF Dimensione : 4.20 Mb
Documenti

ATERnews n. 1_2020

Tipo : PDF Dimensione : 4.17 Mb